Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Ultime notizie di Economia La riduzione dei debiti guiderà i movimenti di euro e dollaro

La riduzione dei debiti guiderà i movimenti di euro e dollaro

Riduzione dei debiti – Non c’è nulla di nuovo nel deleveraging, la riduzione dei debiti, di stati e aziende. Le crisi dell’America Latina negli anni 80, o quelle asiatiche del decennio successivo – spiegano gli specialisti di Morgan Stanley – hanno molto da insegnare. E’ evidente però che per i Paesi ricchi – Eurolandia in testa – è un fattore nuovo che entra in gioco, soprattutto sui cambi. La relativa debolezza del dollaro verso l’euro, malgrado le prospettive di lenta ripresa negli Usa e quelle di leggera recessione nell’unione monetaria – per non parlare delle turbolenze sui bond…- si spiega anche con le strategie di riduzione dei debiti da parte delle banche europee, che rimpatriano fondi dai Paesi ex-comunisti, o dall’Asia, e tengono sostenuto il cambio.

I casi America Latina e Asia – Il deleveraging potrebbe alterare in modo imprevisto i flussi finanziari. Nel caso dell’America Latina e della crisi asiatica di fine anni 900, si è visto un rallentamento dei flussi di finanziamento, e i cambi si indebolirono, mentre il dollaro sviluppò una forza universale, nei confronti di tutte le valute. Nel caso attuale, come nei due storici esempi – e di dimensioni sufficienti per fornire una guida – dovrebbero essere le banche americane a ridurre la loro esposizione e i prestiti all’estero “rimpatriando” fondi e rafforzando così il dollaro. Nel prossimo futuro occorrerà aggiungere i flussi del deleveraging agli altri sempre attivi.