Ramnicu Valcea è la capitale degli hacker

Ramnicu Valcea- “Ramnicu Valcea e’ senza dubbio la città romena più conosciuta negli Usa,  gli americani non avevano alcuna idea del mio Paese, a parte per la Transilvania e la leggenda di Dracula, ma adesso la mia città è famosa, per colpa di quei giovani che rubano su Internetqueste le parole  del professore Stelian Petrescu. Ha dichiarato invece a Le Monde George, neolaureato in management: ”ma cos’altro possiamo fare qui non c’e’ lavoroHo amici, nel quartiere, che incassano decine di migliaia di euro. Certo, rubano sul web, ma almeno se la cavano. E io dovrei lavorare tutta la vita per niente. Voi cosa fareste al mio posto?”. 

Fbi- Già da tempo gli Stati Uniti accusaano sistematici attacchi da parte degli hacker ai danni ovviamente di sistemi informatici che fanno a capo a Dipartimenti e conservano delle importanti informazioni sia economiche che politiche. Col passare degli anni i pirati informatici romeni sono riusciti a diventare sempre più abili e astuti, e scovarli è divenuto più difficile perfino per gli agenti dell’Fbi, che a tal proposito hanno ben pensato di preparare circa un migliaio di agenti rumeni alla caccia degli hacker. Nel luglio del 2011 possiamo ricordare che le autorità di Bucarest avevano arrestato 23 ragazzi a causa di una truffa informatica da oltre 20 milioni di dollari, tutti a danno di cittadini americani. Le autorità rumene dunque, messi da parte paletti e aglio, dichiarano tutto il loro impegno e la loro determinazione per la sconfitta del nuovo nemico.

Rosanna Pecora