Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Corea del Sud, clamorosa apertura a Pyongyang

Corea del Sud, clamorosa apertura a Pyongyang

Parole inattese – Potrebbe essere un 2012 diverso dalle attese, quello tra le due Coree. Nel tradizionale discorso di fine anno, infatti, il presidente della Corea del Sud Lee Myung-bak ha inaspettatamente lanciato un messaggio di apertura ai vicini, che recentemente hanno assistito al cambio alla guida del regime: “Risponderemo con fermezza se verremo attaccati, ma il nostro principale obiettivo è la pace e la stabilità nella penisola coreana” ha dichiarato il premier sudcoreano, che ha poi chiosato “lasciamo aperta la porta a ogni nuova opportunità“.

Diffidenza – Le parole del numero uno di Seul si riferiscono soprattutto ad un possibile cambiamento della strategia di Pyongyang sul nucleare: ciò che la Corea del Sud si augura è una ripresa dei negoziati a sei, inattivi dal 2008, insieme a Stati Uniti, Giappone, Russia e Cina, che in cambio dell’abbandono delle tecnologie nucleari da parte della Corea del Nord, contribuirebbero in modo sostanziale alla ripresa della disastrata economia nordcoreana.

Ora si aspetta una risposta, ma c’è poca fiducia nella buona riuscita di quest’apertura da Seul: all’indomani dell’insediamento del nuovo leader Kim Jong-um, i vertici del Paese comunista hanno tenuto a sottolineare che non vi sarà nessun cambiamento nella strategia nazionale. E come se non bastasse, proprio in questi giorni Pyongyang ha minacciato rappresaglie per un incidente diplomatico con la Corea del Sul in occasione dei funerali del caro leader Kim Jong-il.

Damiano Cristoforoni