Usa: Natale record per vendite di armi

Corsa alle armi per le feste – Un Natale da record per gli Stati Uniti: almeno un milione e mezzo di vendite d’armi da fuoco, solo nel mese di dicembre. Il dato è stato diffuso dall’Fbi, diffuso sulla base dei dati relativi ai controlli che effettuano i rivenditori prima di vendere un’arma ad un cliente. In particolar modo queste festività natalizie si sono quindi distinte per il rifornimento record di pistole e fucili fatto dagli americani. Infatti circa 500 mila esemplari, un terzo degli acquisti di dicembre, sono stati venduti nella settimana che precede il Natale. Quest’ultimo mese supera il record segnato a novembre, mentre il giorno che passerà alla storia come il secondo giorno in cui sono state vendute più armi è il 23 dicembre 2011. Oltre 102 mila armi sono uscite dai negozi solo in questo giorno, ma rimangono imbattuti gli acquisti dell’ultimo giorno del Ringraziamento, con quasi 130 mila.

Rifornimento prima della riforma – In base alle analisi degli esperti il motivo del boom delle vendite d’armi sarebbe in parte la crisi economica in parte alle possibili leggi restrittive che verranno attuate in materia di armi.
Gli americani temono infatti che potrebbe arrivare una nuova ondata criminale causata della forte crisi politica ed economica che sta coinvolgendo tutta l’America. Ma forse l’ipotesi più plausibile è il sentore della popolazione che arrivi il momento della riforma in materia di armi che Obama aveva promesso durante la sua ultima campagna elettorale.

Michela Santini