Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Avvelenato Bigio, padroni riempiono il paese di manifesti funebri

Avvelenato Bigio, padroni riempiono il paese di manifesti funebri

Una storia triste, di quelle che accadono quotidianamente ad animali tanto sfortunati da trovare sulla loro strada persone crudeli e capaci di tutto. Bigio, quasi dieci anni, è morto avvelenato da un boccone trovato per strada. Qualcuno ce lo ha messo e non a caso, visto che di cibo intriso di veleno ne è stato trovato in gran quantità in contrada Romana,  dove Bigio è morto. La reazione dei proprietari che lo avevano accudito durante tutta la sua vita è quanto di più civile si possa immaginare: manifesti funebri. Ne sono stati visti quasi ovunque a Caltagirone. Proprio come quando viene a mancare un parente o un amico umano, la famiglia Scebba-Al Maani ha deciso di condividere il proprio dolore con tutti i compaesani, volendo forse mandare anche un messaggio al responsabile dell’incivile gesto. Ideatrice dell’intelligente iniziativa è stata Manuela, 30 anni, mediatrice culturale.  Il primo dell’anno ha trovato il corpicino del suo Bigio riverso sull’asfalto.

L’amica scampata alla morte. Sul manifesto funebre tutti i nomi dei padroni e  anche quello dell’amica pelosa del cuore di Bigio, Nur, anch’essa avvelenata ma “scampata alla morte“. Vicino al corpo del quattro zampe infatti l’amica Nur era ancora viva, ma in preda alle convulsioni. Del cagnolino  barbaramente ucciso viene ricordata la vivacità e la simpatia, con un tono nemmeno troppo malinconico, quasi a non voler dare soddisfazione a chi quel maledetto cibo ha deciso di spargere per la strada (dove avrebbe potuto raccoglierlo anche un bambino). La richiesta alla cittadinanza è chiara: rispettare gli animali, che come gli uomini sono esseri viventi . L’annuncio funebre si conclude con il richiamo alla’art 544 bis del codice penale, che punisce il maltrattamento e l’uccisione di animali.

A.S.