Nigeria, fuoco contro chiesa cristiana: sei morti

Un nuovo agguato a sfondo religioso in Nigeria. La nazione più popolosa dell’Africa è tornata a essere segnata dalle violenze interreligiose, che nelle ultime settimane hanno causato la morte di decine di persone.
Come riportato dall’agenzia Reuters, ieri sera “alcuni uomini hanno aperto in una chiesa durante una funzione religiosa, uccidendo sei persone e ferendone altre dieci“.
A confermare quanto accaduto è stato lo stesso sacerdote che stava officiando il rito. L’uomo ha poi dichiarato alla stampa: “Gli attentatori hanno iniziato a sparare. Hanno sparato attraverso la finestra della chiesa, e molte persone sono rimaste uccise compresa mia moglie“.

Estremisti islamici – Tra i maggiori sospettati per essere i responsabili della strage ci sono, ancora una volta, gli esponenti di Boko Haram, una setta islamica che ha già rivendicato il massacro della notte di Natale quando, in una chiesa della capitale Abuja, vennero uccise 37 persone.
In seguito a quell’episodio si sono verificati anche due attentati nei confronti di siti e istituzioni religiose islamiche. Fatti questi che, aggiunti a quello di ieri sera, fanno temere per un eventuale inizio di conflitto religioso.
Stando al pensiero di alcuni analisti politici, Boko Haram potrebbe agire al momento con il chiaro intento di suscitare una reazione pesante da parti delle fazioni cristiane, così da poter poi quasi essere giustificata nel compimento delle proprie malefatte.

S. O.