Trovata la borsa dell’uomo assassinato a Roma

10mila euro – E’ stata ritrovata oggi la borsa rubata a Zhou Zheng, assassinato due giorni fa insieme alla figlia di soli 9 mesi nel quartiere di Tor Pignattara, a pochi metri dal luogo in cui è avvenuto il delitto. All’interno i carabinieri del Nucleo investigativo di Roma, che stanno seguendo le indagini in collaborazione con gli uomini del Ros, hanno trovato gli effetti personali dell’uomo e 10mila euro in contanti.

L’ambasciata cinese – Già subito dopo la notizia del duplice omicidio, l’ambasciatore cinese aveva espresso “grande dolore e sdegno” per quanto accaduto e aveva chiesto alle autorità italiane che si attivassero il più possibile per trovare i responsabili e per garantire la sicurezza della comunità cinese, che ha sempre dimostrato una grande volontà di integrazione nel nostro paese.

Controlli su tutto il territorio della Capitale – Il sindaco della città, Gianni Alemanno, ha espresso grande preoccupazione per la violenza dilagante degli ultimi tempi e si è detto determinato a voler far cessare al più presto i crimini. A tal proposito il commissario capo della Polizia ha comunicato di aver preventivato di aumentare le pattuglie sul territorio per controllare e colpire cittadini potenzialmente pericolosi , e posti di controllo in strada. Far cessare il controllo sul territorio delle bande malavitose è, in questo momento, la priorità assoluta delle forze dell’ordine e del sindaco, per evitare l’aggravarsi del fenomeno e per restituire serenità ai cittadini, che nelle zone più a rischio, vivono in un clima di paura.

Marta Lock