Buste sospette a Equitalia e Federfarma

Ennesima busta a Equitalia – Sono ormai all’ordine del giorno i ritrovamenti di buste contenenti polvere esplosiva o sospetta nelle sedi degli uffici Equitalia sparsi su tutto il territorio nazionale. Oggi è toccato agli uffici di via dell’Innovazione a Milano. Le persone che sono venute a contatto con la busta sono tre, tutte trasportate all’ospedale Sacco per effettuare i controlli. Il 118 ha attivato le procedure volte a prevenire eventuali intossicazioni come dal previsto “protocollo antrace”.

Sede Federfarma – Sempre a Milano, tra le 10 e le 11 di questa mattina, è arrivata una chiamata ai carabinieri, in cui si chiedeva il loro intervento nella farmacia di via Rombon. La busta era indirizzata alla dottoressa Annarosa Racca, presidente della Federfarma e non riportava nessun mittente, da qui il sospetto degli impiegati.

Polvere esplosiva – Il plico conteneva una siringa senza ago riempita da 1,5 grammi di polvere esplosiva e uno spago per l’accensione collegato alla busta, che qualora fosse stata aperta avrebbe provocato una piccola esplosione seguita da una fiammata. All’interno anche un giornalino di Lupo Alberto. Pochi giorni fa ne era stata recapitata un’altra identica a quella di oggi nella farmacia di Monza del dottor Mandelli, presidente dell’Associazione farmacisti italiani, anche in quel caso prontamente requisita dagli artificieri.

Marta Lock