Bersani su declassamento S & P: Sconfessata la linea tedesca

Il declassamento da parte della Standard & Poor’s di molti Paesi europei ha provocato l’inevitabile vespaio di reazioni. Ad alzare la voce in Italia è stato, tra gli altri, Pier Luigi Bersani, che ha puntato l’indice contro la linea rigorista promozionata da Angela Merkel. “E’ un paradosso”, ha tuonato il segretario del Pd, che ha spiegato: “A essere sconfessata è la linea tedesca”.

Bersani contro la Merkel – “Si sta verificando un paradosso. A subire il declassamento sono molti Paesi europei, come la Francia e la stessa Italia, ma ad essere sconfessata è la linea tedesca“. Pier Luigi Bersani non ha dubbi: nella sostanziale bocciatura, da parte della Standard & Poor’s, dei conti pubblici di molti Paesi comunitari, un ruolo di grande responsabilità deve essere riconosciuto alla Germania rimasta invece  “illesa”.

Puntare sulla crescita – “Il rating colpisce gli altri – ha insistito il democratico – ma lo sconfitto è il governo Merkel e la sua linea”. Una situazione “fastidiosa”, che il segretario del Pd vorrebbe lasciarsi alle spalle ricorrendo a ricette del tutto nuove. “Servono politiche di crescita – ha spiegato Bersani –  mentre altre manovre non sono immaginabili”.

Maria Saporito