Basket, Nba: vincono Clippers e Lakers, Oklahoma e Cavs ok, stop Bulls

Basket, Nba – Negli Stati Uniti ieri era il “Martin Luther King’s day”. Festa, quindi. E tante partite in programma per l’Nba. Sorprende il ko di Chicago, che cede 102-86 contro Memphis: per i Bulls, privi di D-Rose, ci sono i 20 punti del solito Luol Deng, mentre i Grizzlies trovano grande produzione da Gay (24 punti), Conley (20 punti) e Marc Gasol (19 punti). Terza sconfitta consecutiva per i Knicks, abbattuti da Orlando per 102-93: il rientrante Anthony (33 punti) non basta alla franchigia della “Grande Mela”, che crolla sotto i colpi di Anderson (30 punti) e Reddick (21 punti). Houston vince 114-106 contro i Washington Wizards: i Rockets mandano 4 uomini in doppia cifra sotto i punti, mentre Wall non basta alla squadra della capitale nonostante referti 38 punti, 8 assist e 6 rimbalzi.

Successo a fil di sirena per i Lakers: Dallas si arrende 73-70, risultato deciso dalla tripla a 3” dal termine di Derek Fisher. KB sottotono (14 punti), nei Mavs bene Nowitzki (21 punti). Philadelphia mantiene l’imbattibilità interna liquidando i Bucks per 94-82: la partita si decide nel terzo quarto, quando i Sixers firmano il parziale che spezza le gambe a Milwaukee: sugli scudi Igoudala (21 punti e 7 rimbalzi) e Holiday (20 punti, 5 rubate e 5 assist), mentre nei Bucks, Bogut referta una doppia doppia (20 punti e 11 rimbalzi). Crolla degli Hornets: Portland vince 84-77 con Aldridge a un passo dalla doppia doppia (22 punti e 9 rimbalzi). Per New Orleans ci sono i 21 punti di Jack, mentre il “Beli” non è in serata: 2 punti con 1/8 dal campo. Cleveland vince 102-94 contro Charlotte: Irving referta 25 punti, Jamison 20 e i Cavs festeggiano.

Oklahoma vince contro Boston per 97-88 e conquista il settimo successo consecutivo: bene Durant (28 punti) e Westbrook (26 punti con 3 triple in 2′ che spaccano in due il match). Atlanta schianta 93-84 i Raptors (ancora privi di Bargnani): fattori decisivi sono Smith (28 punti e 15 rimbalzi) e Johnson (27 punti). Sacramento si arrende a Minnesota per 99-86: i T-Wolves vincono la partita sull’asse Love-Ridnour: i due combinano per 58 punti, con Rubio che aggiunge 9 punti, 8 rimbalzi e 8 assist. Infine, i Clippers si prendono la terza vittoria consecutiva: la franchigia di Los Angeles ha la meglio sui Nets per 101-91, portando tutto il quintetto titolare in doppia cifra di punti.

Edoardo Cozza