Torino: presi i killer del bambino di sette anni

Investito sulle strisce pedonali – Il bambino era stato investito e ucciso a Torino il pomeriggio del 3 dicembre scorso, mentre attraversava la strada insieme ai genitori, rimasti entrambi gravemente feriti per il forte impatto. L’auto investitrice si era data alla fuga, senza prestare soccorso, e facendo perdere le proprie tracce. Dopo più di un mese di ricerche gli uomini della polizia municipale sono riusciti a risalire al nominativo del proprietario della Clio grigia.

L’auto era in garage – L’auto investitrice è stata trovata nel garage della casa di uno dei due ragazzi identificati, con ancora i segni dell’incidente. I due killer, un 25enne e un 30enne, entrambi residenti ad Aosta, hanno già ammesso le loro responsabilità, oltre ad aver confessato di essersi recati a Torino per acquistare della droga.

Forse sotto l’effetto di stupefacenti – L’accusa a loro carico è gravissima: omicidio colposo pluriaggravato, lesioni colpose e omissione di soccorso, e si potrebbe aggravare anche di più se dagli accertamenti in corso, risultasse che i due si fossero messi alla guida sotto l’effetto di droghe. L’avvocato dell’accusa ritiene che con la loro condotta di guida, nonostante avessero davanti delle vetture ferme per far passare i pedoni hanno schiacciato il pedale sull’acceleratore noncuranti delle conseguenze, avrebbero scelto il rischio di provocare delle gravi conseguenze.

Marta Lock