Tim Burton confessa: “Tornerò con un sequel di ‘Beetlejuice’ “

Un seguito per Beetlejuice – Tra i tanti capolavori che Tim Burton ha firmato, ai fan più recenti del regista americano forse sfuggirà la presenza nella sua filmografia di una commedia in bilico tra il fantastico e l’inquietante: Beetlejuice – spiritello porcello. Quel lavoro, risalente al 1988, vedeva protagonista un’incredibile Michael Keaton ed è stato un vero e proprio culto, seppur sepolto in qualche modo dalla messe di masterpieces che Burton ha inanellato negli anni successivi (da Edward Mani di Forbice, a Nightmare before Christmas, solo per citarne alcuni). Ora, dopo oltre 20 anni, si torna a caldeggiare un sequel per quel film, così ricco di elementi seminali del genere burtoniano. Ad ammettere questa eventualità è stato lo stesso Burton, in una recente intervista riportata da Collider.

Sceneggiatore all’opera – “Adoro quel personaggio e Michael Keaton è stato così grande – ha detto Burton -. Penso sempre a come divertente sia stato quel personaggio, quindi ho solo detto a Seth (Grahame-Smith, sceneggiatore dell’ultimo lavoro di Burton: Dark Shadows, ndr) che se ha qualche idea in proposito di farmela sapere. In passato, ho provato alcune cose, ma poi non ci sono tornato sopra. Lui è sembrato davvero entusiasta”. A ventun’anni dal progetto Beetlejuice goes hawaiian (rifiutato dal regista nel 1990 a causa di uno script non convincente) lo spiritello più irriverente del cinema potrebbe tornare a nuova vita. Nel frattempo, i fan aspettano con ansia Dark Shadows, la nuova black-comedy del cineasta di Burbank, in uscita nelle sale il prossimo autunno.

Roberto Del Bove