Borse Louis Vuitton, primavera estate 2012: candore e forza

Primavera estate 2012 Louis Vuitton. – Louis Vuitton, per le borse della collezione primavera estate 2012, punta tutto sul bianco. Candori e trasparenze sono di rito, e il tradizionale modello di borsa Louis Vuitton si rinnova, illuminato di colori, materiali e tessuti decisamente innovativi ma immediatamente riconoscibili come opera dello stilista, e di nessun altro. Le sue fan più affezionate non mancheranno infatti di ritrovare anche negli originali mesi caldi di quest’anno i modelli storici ed immancabili di casa Vuitton: le più fedeli della casa di moda riconoscono infatti all’istante la linea della Lock It (per intenderci, quella della serie imitatissima con lucchetto o portachiavi incluso, che pende di solito elegantemente dal manico) e del bauletto Speedy, pietre miliari del look delle amanti di Louis Vuitton.

Le nuove tendenze. – Di rigore dunque le borse trasparenti, ma non solo. Il bianco e nero avrà il suo dignitoso spazio anche quest’anno, e si faranno strada altri colori ed abbinamenti decisamente forti, che puntano sul giallo, sull’arancione, su inaspettati inserti celesti, azzurri, blu. Insomma, sarà il periodo dei colori allegri, ma allo stesso tempo sicuri di sé: per una donna che si avvia per le strade di una società spietata ma incerta, con il piglio di un passo sicuro, accompagnata da accessori che non temono di farsi notare, né di esser visti come azzardati. La donna Vuitton si regala un tocco di armonioso colore, capace di mantenere uno charme che non infrange il velo di discrezione del suo incedere.
A conferma di questo stile, si può notare che è ormai ufficiale: bauletti e borse a mano la fanno da padroni ed hanno preso il sopravvento su tracolle e sacche di vario genere, dalla forma insicura che si sceglieva negli anni ’80, mai del tutto scomparsa dalle vie cittadine fino a questi ultimi anni. Via incertezze dunque, e forme indeformabili ci diano coraggio.
(Nella foto, una delle rivisitazioni della  celebre Speedy di Louis Vuitton: il modello Mirror)