Torna a casa ubriaco e uccide il figlio dopo una lite

E’ tornato a casa ubriaco – L’uomo di 71 anni di Lecce era tornato a casa, come succedeva spesso, completamente ubriaco, e aveva iniziato a urlare contro la moglie e la figlia. Giovanni Caretto, 33 anni, figlio dell’uomo, è intervenuto in difesa delle due donne, preoccupato che il padre, completamente fuori di sé, potesse passare dalle parole ai fatti.

Ha preso un coltello -Il 71enne ha iniziato a inveire anche contro il figlio e all’improvviso è andato in cucina, ha preso un coltello e ha colpito Giovanni al fianco con forza provocandogli la morte per dissanguamento nel giro di pochi minuti. Le due donne hanno subito chiamato l’ambulanza che però non ha potuto fare niente per salvargli la vita, mentre il padre assassino, è sceso in cortile ed ha iniziato a correre da una parte all’altra in stato di delirio.

Il 71enne è stato arrestato – Enzo Caretto è stato portato in ospedale per effettuare le analisi volte a riscontrare l’evenutale assunzione di stupefacenti, e al momento si trova in arresto, mentre i carabinieri di Lecce stanno interrogando la moglie e la figlia del 71enne per ricostruire la dinamica esatta di quanto avvenuto. Secondo le due donne le liti tra padre e figlio, che lavorava in un cinema multisala di Surbo, erano molto frequenti ma non erano mai sfociate in episodi di violenza.

Marta Lock