Home Sport Motori

F1, Caterham presenta la CT-01

CONDIVIDI

F1, ecco la CT-01 – L’inizio non è stato dei migliori per la nuova squadra Caterham (ex Team Lotus). Teoricamente la presentazione della nuova vettura doveva avvenire oggi, sulla nota rivista inglese F1 Racing. Peccato che gli abbonati del giornale ricevono la copia del giornale un giorno prima rispetto alla data d’uscita, ritrovandosi quindi fra le mani le inedite forme della CT-01 in anteprima globale. Così la squadra ha frettolosamente rilasciato le immagini sul proprio canale di Twitter, dovendo rivedere in parte i piani dell’attesa presentazione. Comunque l’obbiettivo finale era quello di attirare l’attenzione, riuscendoci perfettamente. Non solo grazie alla scelta di svelarsi molto prima rispetto agli avversari ma anche, e soprattutto, all’aspetto e reazione che questa monoposto suscita al primo sguardo.

Questione “scalino” – In Formula uno la bellezza estetica ha un valore praticamente nullo, anche se l’occhio continua a volere la sua parte. Dopo la mazzata stilistica del 2009, con alettoni oltremodo lunghi davanti e quadrati dietro, per questa stagione sembra che la moda dello “scalino” nel muso imperverserà fra tutti i team: “La nostra sfida è quella di tenere il telaio il più alto possibile per permettere il flusso d’aria nella parte inferiore della vettura, e ciò che si vede sulla CT-01 è la nostra soluzione a questo. Poiché siamo la prima vettura presentata il muso alto sta ovviamente suscitando un grande dibattito, ma a causa della normativa del 2012 penso che probabilmente potremo vedere questo tipo di naso sulla maggior parte delle vetture di quest’anno” afferma il direttore tecnico Mike Gascoyne.

Fame di punti – Comunque il poter già presentare alla stampa la vettura indica un lavoro di progettazione e sviluppo perfettamente in linea con i tempi, senza ombra di ritardi come invece sta accadendo alle altrettanto giovani Marussia ed HRT: “Siamo stati i primi a progettare e costruire la nostra nuova vettura da corsa. Le regole sui crash test imponevano che le auto fossero omologate prima del primo test e, in realtà, credo che siamo stati la prima squadra a passare tutte le prove d’impatto, omologando il telaio completamente prima di Natale” L’obbiettivo per la struttura anglo-malese sarà quello di conquistare i primi punti iridati: “Vogliamo fare dei passi avanti nella direzione giusta per costruire dei successi a lungo termine. Ma l’unico modo per farlo è quello di battere i team davanti a noi” Spiega il proprietario Tony Fernandes: “Quindi dobbiamo almeno fare un punto” La serietà non manca di certo, ma per entrare nell’ambita Top-Ten servirà prima di tutto essere veloci in pista.

Riccardo Cangini