Patto Salute: meno ticket, esenzioni a 70 anni

Patto per la salute 2013-2015. Più ticket e meno esenzioni. L’esenzione sanitaria arriverà infatti a 70 anni (non più a 65), previsti sconti alle famiglie numerose e riduzione del tetto di 36 mila euro di reddito. La Conferenza delle Regioni, facendo proprie le linee guida del governo Monti, dovrà ratificare oggi il nuovo volto della sanità pubblica nel nuovo Patto per la salute 2013-2015.

Maggiore compartecipazione. L’idea del governo è quella di rimodulare i ticket su più fasce di reddito, attuando una compartecipazione differenziata secondo le condizioni economiche dei pazienti. Il tutto con l’obiettivo di «innalzare la percentuale di prestazioni soggette a compartecipazione garantendo al contempo maggiore equità attraverso la differenziazione dei livelli di contribuzione».

Novità in arrivo. Decisioni in arrivo anche sulle cure termali, abolizione del super ticket di 10 euro sulle prestazioni specialistiche e niente contributo sui ricoveri ospedalieri. Previsto anche un nuovo tetto per la spesa farmaceutica, un diverso assetto delle cure primarie sul territorio (con la valorizzazione dei piccoli ospedali), nuovi Lea (livelli essenziali di assistenza). Inoltre, sui farmaci, estensione del ticket sulle singole confezioni, con un limite di spesa per ciascuna ricetta.

Adriana Ruggeri