Terremoto, scosse in tutta la penisola

Trema la terra da nord a sud – Intorno alle 3 e 50 di questa notte è stata registrata una scossa di magnitudo 2.3 nella Calabria settentrionale al confine con la Basilicata, avvertita nelle provincie di Cosenza e di Potenza, con epicentro nei comuni cosentini di Laino Borgo, Laino Castello, Castrovillari e Mormanno, e quelli potentini di Rotonda, Viggianello e Latronico, al momento non si sono registrati danni a persone o cose.

Scossa in Friuli – Sempre durante la nottata, precisamente intorno alle 4 è stata rilevata una scossa di magnitudo 2.8 in Friuli Venezia Giulia, al confine con la Slovenia con epicentro a Ajdovscini (Slovenia) a 2,5 chilometri di profondità, anche in questo caso nessun danno segnalato.

Trema anche la Sicilia – Nella mattinata di ieri sono state avvertite due scosse tra Messina e Palermo, la prima con magnitudo 3.1, la seconda 2.6 della scala Richter. Intanto a Massa Carrara sono state evacuati gli abitanti di tre case dichiarate inagibili a seguito del sisma avuto luogo venerdì con epicentro nel parmense, tutti abitanti in centro città e attualmente ospitati in hotel a spese del Comune. Molte le segnalazioni di vistose crepe, soprattutto all’interno di edifici pubblici, scuole, che sono rimaste chiuse a livello precauzionale, e chiese per le quali è stata dichiarata la non agibilità.

Marta Lock