Home Sport Motori

MotoGP, presentato il team HRC Repsol campione del mondo

CONDIVIDI

MotoGP, presentazione Honda – E’ stato proprio il team campione del mondo in carica a presentarsi per prima in forma ufficiale per quanto riguarda la stagione agonistica 2012. Conferenza stampa presso il Pan Pacific Hotel di Kuala Lampur, esattamente come l’anno scorso così come identici sono rimasti nomi e livree dello sponsor. Unica differenza l’assenza ovvia di Dovizioso e il prototipo Honda Rc213V, passato alla cilindrata mille: “Il concetto base è lo stesso dello scorso anno” spiega Shuhei Nakamoto, Vice Presidente Esecutivo HRC: “Gli investimenti fatti sono stati importanti, soprattutto quelli per questa stagione dove abbiamo dovuto riprogettare tutta la moto essendo cambiati i regolamenti. Ogni minimo modifica obbliga a fare nuovi test, anche quelle che sembrano più ‘banali’ come l’incremento del peso minimo, portato a 157 Kg

Stoner N°1 – Come promesso, Casey Stoner ha mutato il suo numero ventisette con l’ambito uno, esattamente come successo nel 2008. Il favorito al trionfo finale anche per questa stagione è lui, ma guai a voler abbassare la soglia di tensione: “Rimaniamo concentrati e non ci aspettiamo di arrivare sin da subito al top della forma. Sono sicuro che Honda ha fatto un lavoro fantastico con la nuova 1000 durante i mesi invernali, e voglio capire e valutare a che punto siamo e cosa possiamo fare. Siamo ben consapevoli della determinatezza dei nostri avversari: sarà interessante confrontarci in pista. Comunque dovremmo aspettare la prima gara in Qatar per vedere sul campo come stanno veramente le cose. Siamo pronti e carichi per questa nuova sfida”.

Ritorno in sella – Stesso discorso per il compagno di squadra Dani Pedrosa, chiamato ad una annata da protagonista in modo da allontanare le voci che vedono il suo posto nella struttura ufficiale sempre più traballante. Il potenziale per primeggiare c’è e sarà importante partire da subito con il piede giusto: “Sepang è un ottimo tracciato per le prove, e ci sono molte cose nuove da scoprire della RC213V. È passato molto tempo dall’ultima volta in cui siamo saliti in moto e bisogna ritrovare il feeling. Sarà fondamentale restare molto concentrati per raccogliere tutte le informazioni necessarie per crescere ancora. Immagino che l’obiettivo principale di questi test sia conoscere più a fondo la moto e le nuove Bridgestone”. Ma sopratutto si attende la risposta degli avversari.

Riccardo Cangini