Google: accusata di abuso di posizione dominante

Google, posizione dominante – E’ un periodo in cui il web è squassato da una serie di movimenti, sentenze e notizie continue. E questo trend si arricchisce oggi di un nuovo capitolo che riguarda Google. Come vi avevamo anticipato, Google sta acquisendo una nuova privacy policy per le ricerche effettuate sul proprio motore di ricerca, cosa che sta scatenando in tutto il web molte reazioni e accendendo discussioni vivaci.Il dibattito si è acceso circa il diritto e le modalità di estromettere particolari pagine dai risultati del motore di ricerca. Google ha assicurato a tale proposito che la censura non sarà effettuata tramite algoritmo, ma ci sarà un apposito team che lavorerà alle richieste degli utenti di rimuovere le pagine segnalate.

Posizione dominante – Nel frattempo il tribunale di Parigi ha condannato Google al pagamento di 500.000 euro per abuso di posizione dominante. Il servizio gratuito di Google Maps infatti, è stato accusato da un’azienda locale, Bottin Cartographes, che fornisce mappe a pagamento, di concorrenza sleale. Google quindi viene accusata una seconda volta nel paese in cui qualche tempo addietro fu accusata per il servizio Google Suggest. L’azienda di Mountain View nel frattempo sta prendendo in esame la sentenza a suo carico per impugnarla.

R. A.