Penelope Cruz insieme a PETA contro le pellicce

Penelope Cruz, PETA- Una gigantografia sovrasterà Madison Square Garden a New York per tutta la settimana della moda newyorkese, dal 9 al 16 febbraio: la bellissima Penelope Cruz presterà il suo volto per sensibilizzare l’opinione pubblica contro la violenza sugli animali, in una nuova campagna della PETA. L’attrice spagnola è stata immortalata nei suoi meravigliosi tratti mediterranei, con la spalla nuda, accanto alla scritta “Give fur the cold shoulder” (Volta le spalle alla pelliccia). Lo sguardo determinato della musa di Almodovar sembra invitare ogni donna a riflettere prima di acquistare una pelliccia, uno dei capi più eleganti e sempre desiderati, ma frutto di atroci violenze nei confronti di animali indifesi.

Una testimonial perfetta- Tante sono le bellissime donne che hanno posato per PETA, tra cui Elisabetta Canalis, Pamela Anderson, Eva Mendes, Kim Kardashian. Yvonne Tayler, manager PETA, ha affermato: “La PETA non avrebbe potuto desiderare un’icona migliore, un modello di donna che incarna perfettamente il glamour di Hollywood, consapevole però del fatto che si possa essere bella senza aver ucciso nessuno per esserlo”. L’attrice è da sempre stata considerata una delle dive meglio vestite, eppure non ha mai indossato un’elegante pelliccia e ne ha sempre condannato l’utilizzo nella moda, tanto che nella collezione, disegnata con la sorella, per la catena spagnola Mango non c’è nessun capo realizzato con pelo vero di animale.

Le verità di PETA– PETA ricorda sempre i metodi economici ma brutali, utilizzati dai produttori di pellicce nel mondo, per uccidere gli animali senza rovinarne il prezioso pelo: asfissia, soffocamento, gassificazione ed avvelenamento; inoltre, l’organizzazione denuncia al mondo intero la pratica cinese di uccidere anche cani e gatti per il manto, per poi contraffare le etichette e fare arrivare sui nostri scaffali pellicce di questo tipo a nostra insaputa.

Rosaria Cucinella