Afghanistan: dal 2013 il ruolo degli alleati cambia, ritiro solo nel 2014

Ritiro nel 2014 –  Come deciso al Vertice di Lisbona, la data per la fine della transizione in Afghanistan è il 2014 e l’Italia, con gli altri alleati, rimarranno fino alla fine ad eccezione degli americani che ritireranno le truppe nel 2013.

Da combattimento a ruolo di formazione – A partire dal prossimo anno il ruolo delle forze Isaf cambierà: il compito delle truppe non sarà più quello di combattimento, ma di formazione. Un passaggio che avverrà gradualmente, tenendo costantemente conto della situazione sul terreno. Secondo il segretario della Nato Anders Fogh Rasmussen, questo nuovo ruolo necessita maggiore solidarietà e coesione tra gli alleati.

Nessuna accellerazione della transizione – “La cosa importante – ha precisato Rasmussen – è che l’Alleanza resti ferma alla tabella di marcia di Lisbona“, che prevede la fine del 2014 per il passaggio completo della transizione della responsabilità della sicurezza nelle mani di esercito e polizia locali. Nessuna decisione quindi su una possibile accellerazione della transizione in Afghanistan dalla Casa Bianca.

Michela Santini