Denver: polemiche sulla nuova opera ambientale di Christo

Bloccato “Over the river”- Il nuovo progetto dell’artista bulgaro Christo potrebbe questa volta non andare in porto. La sua peculiare attività artistica consiste nell’impacchettare monumenti, palazzi storici tra i più noti al mondo, ma anche meraviglie naturali. Delle vere e proprie manipolazioni naturali effimere su vastissima scala. Ma Denver ha bloccato il progetto di Christo di ancorare otto pannelli di tessuto sopra il fiume Arkansas, uno dei maggiori affluenti del Mississippi

Il gruppo ROAR – L’ambiziosa opera si intitola “Over the river” e avrebbe dovuto impacchettare il fiume per una lunghezza di circa 10 chilometri. Nonostante l’approvazione del governo federale americano, ad un gruppo di studenti di giurisprudenza di Denver, nel Colorado, l’idea non è piaciuta. Tale  gruppo, riunito sotto il nome di ROAR (Rags Over The Arkansas River, ovvero Stracci sopra il fiume Arkansans) hanno così deciso di intentare causa per fermare l’ultimo progetto dell’artista.

Danni ambientali – Secondo questi studenti “Over the river” danneggerebbe l’ambiente. Infatti, un intervento di queste proporzioni, richiederebbe trivellazioni massicce fra cui 9000 buchi nel terreno profondi una decina di metri. Nel documento presentato dagli studenti, si afferma che il progetto di Christo “richiede l’utilizzo di macchinari comunemente utilizzati nelle miniere o per la costruzione di strade”, come ruspe, cingolati ed escavatori che avrebbero un preoccupante impatto sulla fauna. Ellen Bouder di ROAR ha affermato a nome del gruppo “Riteniamo che ci sia un rischio per la gente che vive qui, per il commercio, la salute pubblica, la sicurezza e il traffico”.

Polemiche gratificanti – Per Christo tutte queste polemiche lo hanno tutt’altro che scoraggiato: “è una grande gratificazione vedere la gente parlare così tanto del mio lavoro – ha affermato l’artista – lo prendo come un aspetto entusiasmante del progetto”. La sua arte ha già portato a termine progetti ben più ambiziosi che hanno visto l’artista impacchettare il Reichstag di Berlino, un percorso di 37 chilometri al Central Park di New York e parte della costa australiana.

Michela Santini