Facebook: alla conquista di Wall Street

Facebook, Wall Street – Facebook, il più grande social network che mette in contatto milioni e milioni di utenti nella rete, sbarca finalmente in borsa. “Facebook non è stata originariamente creata per essere un’azienda quotata. È stata costruita per svolgere una funzione sociale, per rendere il mondo più aperto e connesso” scrisse tempo fà Mark Zuckerberg. È stata questa la motivazione principale che ha finora bloccato la quotazione in borsa della sua “creatura”. Facebook sbarca in borsa avendo all’attivo i seguenti numeri: 845 milioni di utenti attivi, un fatturato di 3.71 miliardi di dollari e utili per 1 miliardo di dollari.

Tanti dubbi – I dubbi generati dall’entrata in borsa del più potente social network del web sono tanti. In primis la sua quotazione in borsa. Mark Zuckeberg potrebbe chiedere al mercato 5 miliardi o 10. Nel secondo caso, potremmo trovarci davanti alla più grande IPO (Initial public offering, in italiano offerta pubblica di vendita) del 2012. L’altro dubbio riguarda i possibili ulteriori cambiamenti che dovranno “subire” gli utenti. Un’operazione di questo calibro potrebbe condizionare le future scelte logistiche del sito alle pretese degli investitori. In pratica dovremmo aspettarci una maggiore mole di pubblicità, la quale “vive” delle informazioni contenute nei profili degli utenti, portando ad ulteriori ed eventuali violazioni della privacy. Ma si sà, la pubblicità è il motore di un’azienda.

Giuseppe Gerace