Iran, possibile un attacco di Israele in primavera

Possibile attacco – La notizia è riportata dal Washington Post, e fornisce come fonte niente di meno che Leon Panetta: secondo il numero uno del Pentagono, Israele si starebbe preparando a sferrare un attacco militare contro l’Iran entro la fine della primavera: “Panetta ritiene che sia molto probabile un attacco di Israele contro l’Iran in aprile, maggio o giugno” si legge sulle colonne del Post, “prima che l’Iran entri in quella che gli Israeliani definiscono una ‘zona d’immunità’ dove poter cominciare a costruire la bomba nucleare“.

La ‘zona di immunità’, in sostanza, rappresenta la per gli Israeliani il momento in cui Teheran avrà raccolto abbastanza uranio arricchito da poter iniziare le operazioni per la costruzione di armamenti nucleari; “ed a quel punto” , conclude l’editoriale, “solo gli Stati Uniti potranno fermarli militarmente“.

Le reazioni – Dopo l’articolo sopra citato, Panetta è stato ovviamente chiamato a dare una conferma delle sue presunte strategie sulla questione iraniana, ma si è trincerato dietro un “no comment”; nel frattempo gli addetti ai lavori statunitensi avevano già attribuito le dichiarazioni del capo del Pentagono alle conseguenze della visita ricevuta dal capo del Mossad israeliano, Tamir Pardo.

Intanto, come sempre le reazioni da Teheran sono arrivate subitanee, forti, e decise. A parlare è stato addirittura Alì Khamenei, il leader supremo della Repubblica Islamica iraniana: “Attaccare l’Iran nuocerà all’America” ha dichiarato Khamenei,”in risposta alle minacce di embargo petrolifero e guerra noi abbiamo le nostre minacce per imporci al momento giusto“.

Damiano Cristtoforoni