Popolo russo in rivolta contro Putin

Mosca – Oltre cento mila persone sono scese nelle piazze gelide e innevate di Mosca per manifestare contro Putin. A piazza Balotnaja si stanno raccogliendo almeno trentamila persone, arrivate da un corteo partito dalla metropolitana Oktjabrskaja, e sono previsti altri 4 meeting. A vigilare non c’è più l’esercito, ma circa 9 mila agenti della polizia, mentre dei metal detector sono stati sistemati alla partenza del corteo e all’arrivo in piazza Balotnaja.

Accusa di brogli elettorali – La protesta dell’opposizione è nata con le elezioni legislative di due mesi fa e le conseguenti accuse di brogli e si è riunita sotto la guida del blogger Alerei Navalny. I cartelli recitano scritte come: «Putin vattene!», «Vogliamo il cambiamento!», «È il circo o sono le elezioni?», «Hanno spento la luce per un’ora e poi hanno vinto». «Abbiamo deciso di scendere in piazza per la prima volta nella nostra vita», raccontano alcuni manifestanti.

I finti sostenitori in piazza – La polizia afferma che nel frattempo in zona Poklonnaja si sarebbero radunati ben novantamila sostenitori di Putin. Secondo l’opposizione però le persone sarebbero solo 20 mila e la manifestazione sarebbe stata organizzata sotto pagamento per dimostrare il consenso a Putin.

Michela Santini