Emergenza gas, famiglie tutelate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:21

Emergenza forniture – L’approvviggionamento del gas nelle ultime ore è in una situazione di forte emergenza sia per il calo delle forniture dalla Russia, vittima tanto quanto noi dalla pesantissima ondata di freddo, sia a causa del blocco del rigassificatore di Rovigo, al largo delle coste venete investito nelle ultime ore da forti mareggiate che hanno impedito l’attracco delle navi con le forniture.

Il ministro Passera – Il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera ha ammesso la criticità della situazione a causa della forte diminuzione dei flussi di forniture sia dalla Russia che dalla Francia, e di aver già predisposto il contenimento delle forniture industriali soggette a contratti di interrompibilità. In questa forte emergenza la precedenza è data alla garanzia della fornitura alle famiglie, mentre il Comitato di crisi che tiene monitorata la situazione minuto per minuto ha autorizzato l’attivazione delle centrali a olio combustibile.

L’amministratore delegato EniPaolo Scaroni, ad dell’Eni, ha comunicato di aver incrementato le importazioni di gas dall’Algeria e dal nord Europa, attraverso la Svizzera e che la situazione non sarà preoccupante fino a mercoledì. Intanto la Gazprom, la società Russa di fornitura, si è impegnata a fare del proprio meglio per ripristinare al più presto la situazione e far rientrare tutto nella normalità, anche se l’annunciata nuova ondata in arrivo sulla Russia proprio tra giovedì e venerdì, rende dubbioso l’amministratore delegato dell’Eni sulla possibilità di una risoluzione a breve termine.

Marta Lock

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!