Eurozona: migliora il sentiment degli investitori a febbraio. Germania: produzione giù a dicembre

Il sentiment degli investitori dell’eurozona è migliorato a febbraio grazie alla liquidità a basso costo messa a disposizione dalla Banca centrale europea che ha dato sostegno alla fiducia nei mercati. È quanto emerge da uno studio del gruppo di ricerca Sentix, il cui indice a febbraio è salito di 10 punti a -11,1, mentre la sotto-componente relativa alle aspettative è balzata a -6,3 da -23,5 di gennaio, sui massimi dallo scorso maggio.

Le politiche della Bce. “L’azione straordinaria di politica monetaria, come l’offerta triennale della Bce dello scorso dicembre, è stata chiaramente un elemento che ha modificato la situazione agli occhi degli investitori”, si legge nel comunicato di Sentix. Anche il sotto-indice sulle condizioni attuali è migliorato, salendo a -15,8 da -18,8 del mese precedente. I dati sono stati raccolti tramite un sondaggio condotto su circa 1.000 partecipanti al mercato finanziario, privati o istituzionali.

I dati tedeschi. La produzione industriale tedesca a dicembre 2011 ha fatto registrare un calo del 2,9% su base congiunturale, rispetto ad un dato invariato del mese precedente. Il calo di dicembre è il più marcato dal gennaio 2009. Per il ministero dell’Economia tedesco c’è in atto una stabilizzazione degli ordini, aggiungendo che un segnale che si stia superando la debolezza delle economie è ravvisabile nel miglioramento degli indicatori di fiducia. Gli ordini del settore manifatturiero di dicembre in Germania sono saliti dell’1,7% rispetto a novembre. La rilevazione vede un calo degli ordini domestici dell’1,4% e un aumento di quelli stranieri del 4,3%. Il dato di novembre, ancora, è stato rivisto a -4,9% dal precedente -4,8%.

M.N.