La madre del bimbo gettato nel Tevere ha scoperto dall’ospedale l’accaduto

Bambino gettato nel Tevere madre

: si chiama Claudia ed è la madre di Claudio, il bimbo gettato nel Tevere dal padre lo scorso 4 febbraio. La giovane quando si è consumata la tragedia era in ospedale a causa delle reiterate percosse del compagno e di una brutta forma di anoressia confessata dalla nonna materna ormai sfinita dalla visione di quella figlia piegata dal dolore. Ma per Claudia l’orrore più infame doveva ancora venire: era infatti impossibile continuare a tenerla all’oscuro circa la tragedia consumatasi ai danni di Claudio, il suo bambino di sedici mesi.

Tragico annuncio: stamane, durante la diretta di Mattino Cinque è intervenuta telefonicamente Maria Biffone cugina di Claudia la quale ha raccontato del tragico annuncio che i medici hanno dovuto dare alla madre del piccolo. Pare che i particolari inerenti la dinamica dell’accaduto le siano, per ora, stati evitati, ecco le parole della cugina: ” Claudia sa che il bambino non c’è più ma non conosce i minimi particolari perché è ancora ricoverata in ospedale perché lui l’aveva picchiata e lei era talmente sotto shock che non riconosceva neanche la madre.” Drammatica la reazione: “Il medico le ha detto che il bambino è salito in cielo e adesso, quando qualcuno le parla, alza gli occhi verso il cielo“. La Biffone racconta ancora della reiterata violenza del Franceschelli in questi anni di relazione e dei vani tentativi di Claudia di allontanarsi da lui: “Sei anni fa, quando lei lo voleva lasciare, Patrizio si è presentato a casa, le ha tirato un pugno e la rotto il setto nasale. Poi si è ripresentato scusandosi e dicendo di amarla e tutti gli abbiamo creduto.”
Versa in condizioni di paura e dolore anche la madre di Claudia, che si è barricata in casa per paura che quest’uomo le faccia nuovamente del male.

Valeria Panzeri