Volunia: il motore di ricerca Made in Italy

Volunia, Google – Volunia è il nuovo motore di ricerca tutto italiano: nato da un’idea di Massimo Marchiori, un ricercatore dell’Università di Padova, il nuovo engine per la ricerca online si differenzia da Google per una diversa filosofia di base. La ricerca si fa più accurata e precisa, i risultati vengono presentati in maniera diversa e più chiara, grazie all’interfaccia grafica che permette di avere sott’occhio, proprio visivamente, l’argomento principale e i link relativi che interessano la keyword digitata. Con una mappatura che ricorda la pianta di un videogioco alla Sim City, il nuovo Volunia mostra i risultati delle ricerche effettuate come dei “palazzi”. Quello più alto rappresenta il contenuto principale e gli utenti che stanno passando da quelle parti prendono vita insieme al palazzo.

Ricerche trasparenti – L’utente è portato a pensare ai motori di ricerca come a uno strumento trasparente, ovvero il meno invasivo possibile, che lasci accedere agevolmente ai contenuti del web. La filosofia che anima Volunia invece è ben diversa e si realizza in una mappa fisica che “guida” fisicamente l’utente all’interno del web. “E’ proprio come un Tom Tom, che ti assiste e ti permette di cambiare punto di vista“, ha spiegato lo stesso Marchiori. Il rischio di un motore così strutturato però è quello di distogliere l’utente da ciò che stava cercando, creando confusione e disappunto. Ma saranno gli utenti stessi a decretare il successo o il fallimento di questo ambizioso progetto: la sfida tricolore a Big G è comunque lanciata.

R. A.