Melania Rea: a Mattino Cinque parla la zia

Parla la zia di Melania – Federica Panicucci a Mattino Cinque torna a parlare del delitto di Melania Rea e sulla decisione degli avvocati di Salvatore Parolisi di chiedere il rito abbreviato per il loro assistito. In occasione della puntata di questa mattina, così, la conduttrice ha ospitato in collegamento da Napoli la zia della ragazza uccisa, Teresa Capone, la quale riferendosi a Parolisi ha dichiarato: “Salvatore si è avvalso due volte della facoltà di non rispondere, quindi forse non è così innocente. Melania non ci ha mai raccontato dei suoi problemi con il marito perché non ha voluto far uscire dalla sua famiglia la storia della scappatella di suo marito con un’altra donna; voleva superarla per far si che Salvatore non venisse giudicato negativamente dagli altri”.

Teresa Capone dichiarazioni contro Parolisi – Dopo lo sfogo iniziale, la zia di Melania Rea, Teresa Capone, ha proseguito raccontando del rapporto che Parolisi ha avuto con la famiglia di Melania nei giorni a seguire l’omicidio della moglie: “Abbiamo incontrato Salvatore tutti i giorni fino al suo arresto; non è mai stato disperato; aveva atteggiamenti strani ai quali noi non davamo peso, perché poteva essere il suo modo di reagire. In seguito, abbiamo iniziato a nutrire forti dubbi ed eravamo anche preoccupati della sua presenza in casa: l’aria era diventata davvero pesante. È stato gentilmente invitato a non dormire più a casa della mamma di Melania perché, quando è tornato da Ascoli, ha avuto anche la faccia tosta di dormire nel letto di Melania. Ma i rapporti tra Salvatore e la famiglia di Melania erano tesi: la televisione che diceva determinate cose, lui, disperato, che piangeva e diceva che non era vero, perciò è tornato a stare dai suoi genitori”. Concludendo, ha poi chiosato Teresa: “Io credo sia colpevole nel modo più assoluto; spero che gli venga data la giusta pena. Mi dispiace per la bambina, ma spero che ci siano giustizia e pene certe per scoraggiare altri eventi simili”.

Dario Morciano