Pacco dall’Ecuador con 40 chili di cocaina

Promozione per le Galapagos – Il pacco giunto a Milano dall’Ecuador, aveva l’aspetto di un pacco diplomatico contenente materiale artigianale delle isole Galapagos, ma in realtà, in un rivestimento interno degli 80 boccali che conteneva, si trovavano ben 40 chili di cocaina liquida. I cinque cittadini ecuadoriani coinvolti, sono stati arrestati.

Il regista e attore – La mente dell’organizzazione sarebbe stato un regista e attore ecuadoriano di 34 anni che aveva trovato quattro complici all’interno del  Consolato dell’Ecuador, sito in via Pisani a Milano, e si era recato in patria per organizzare lui stesso la spedizione. Grazie all’aiuto dei quattro dipendenti del Consolato era riuscito a ottenere, a insaputa del ministero ecuadoriano degli Affari esteri, di poter usare il canale diplomatico per far arrivare manifatture destinate alla promozione dei prodotti delle Galapagos.

L’operazione Carribean – Le indagini sul traffico di cocaina dal Centro America era partita a giugno del 2011 con un primo arresto, seguito poi a settembre dal fermo di un corriere cubano partito da Santo Domingo, che trasportava due chili della sostanza.  La magistratura oggi ha disposto il fermo dei cinque cittadini dell’Ecuador a causa del reale rischio di fuga, accusandoli di detenzione finalizzata allo spaccio di droga aggravata dall’enorme quantitativo. 

Marta Lock