Serie A, Inter-Novara 0-1: Caracciolo fa sprofondare i nerazzurri

Inter-Novara 0-1 – Adesso è crisi davvero: l’Inter cede 1-0 in casa al Novara e continua a vivere un incubo che sembra non avere fine. Negli ultimi 5 incontri (Coppa Italia compresa) i nerazzurri hanno incassato 4 sconfitte e portato a casa un pareggio, segnando 4 gol (tutti in un solo incontro e con un solo giocatore, Milito) e subendone 12. Numeri impietosi, che ben evidenziano il momento no della squadra di Ranieri, duramente contestata anche dal pubblico del “Meazza”. Allo stesso tempo, sulla sponda piemontese si vive il sogno Mondonico: il tecnico, tornato in panchina dopo aver vinto la sfida con un tumore, conquista il primo successo in casa dell’Inter. E il Novara fa il bis dopo la vittoria con i nerazzurri dell’andata. Anche questa, per l’Inter, è una statistica decisamente negativa.

Partita bloccata – Ranieri opta per il solo Milito di punta, supportato da Sneijder e Alvarez; Mondonico, invece, si schiera a 5 in difesa. Ne esce una partita con pochi spunti: Sneijder ha voglia di fare ma è impreciso al tiro, idem Stankovic, che cerca ripetutamente la porta con conclusioni dalla distanza. Il Novara si limita a difendere e ripartire, rendendosi pericoloso con Caracciolo di testa (parata centrale di Julio Cesar). I nerazzurri non riescono a trovare soluzioni per scardinare la retroguardia avversaria e recriminano per un rigore non concesso a Poli.

Impresa Mondonico – Nella ripresa ecco Pazzini al posto di Alvarez: con l’Inter che abbozza dei piani d’attacco. Al minuto 56 Lucio prova la conclusione al volo, Ujkani respinge e parte un contropiede ospite: la palla finisce a Caracciolo che, dai 20 metri, supera Julio Cesar con un sinistro a giro di pregevole fattura. L’Inter è colpita, entrano Forlan e Nagatomo ma trovare spazi è praticamente impossibile, nonostante il rosso a Radovanovic all’80’: si opta per le soluzioni personali, con i soliti Stankovic (alto) e Sneijder, che tenta un numero impressionante di calci dalla distanza, di cui uno realmente pericoloso che impatta sulla traversa. Nel recupero (dopo un paio di contropiedi novaresi da brividi con Rigoni e Morganella) Pazzini ha la chance per il pari ma Ujkani è istintivo e para. Finisce 0-1 tra fischi, contestazioni interiste e imprese azzurre.

 

Edoardo Cozza