Funerali Whitney Houston: Aretha Franklin non ci sarà

Funerali Whitney Houston, non c’è Aretha Franklin. Ai funerali di Whitney Houston, mancherà la leggenda vivente della musica black, Aretha Franklin. Madrina di quella che qualcuno non ha esitato a definire la sua erede, la Franklin si era esibita ieri, in un concerto in memoria della Houston che si è tenuto a New York. Oggi però, ha fatto sapere la Franklin, “la salute mi ha tenuta lontana dai funerali”. Problemi alle gambe, stanchezza e debolezza, secondo quanto riportato dal sito della CBS.  La Regina del soul si è detta molto vicina alla famiglia Houston, che peraltro conosce da sempre.

Aunt Ree e Nippy. I due nomignoli di natura molto intima e  familiare che le due immense cantanti si davano tra loro erano questi. Aunt Ree, zia Aretha e Nippy, con tutta probabilità derivata dalla seconda parte del nome della Houston (Whit-ney), ma anche dal fatto che fosse sua nipote (nephew) e forse, dal suo carattere. “Nippy” infatti in inglese significa pungente. Aretha Franklin era la madrina della Houston.  Amica da sempre e compagna di scuola anche del padre della cantante deceduta l’11 febbraio scorso, Cissy Houston.

Un mito che ne ricorda un altro. Struggenti le parole che la Franklin ha postato su facebook e Twitter, in ricordo della sua nipotina, eccone uno stralcio:  “Cissy portò Nippy ad una mia registrazione, per incontrarmi, la prima volta che la vidi pensai: ma guarda come è carina la bimba di Cissy, con quei capelli rossi. Più tardi le introdussi Clive (Davis, il produttore-guru che l’ha scoperta. Il giorno della sua scomparsa la Houston stava per partecipare ad una festa in suo onore, NDA). Fece un provino per lui e fu un grande successo. Da lì in poi la vidi crescere giorno dopo giorno. e trasformarsi in una splendida rosa sbocciata in ogni suo singolo petalo. Whitney sapeva come essere una stella ed è stata una delle più splendenti dell’intero universo. Ricordatevi i suoi successi e dimenticate i suoi errori, una vera stella se n’è andata, volata via sulle ali dell’amore”.

A.S.