Crisi Italia-India: gli abbordaggi delle navi

Gli abbordaggi – Il governo indiano utilizza i due fanti di Marina prigionieri come capir espiatori per nascondere i pirati lungo le coste del Paese e ha attaccato una petroliera greca, come era successo pochi giorni prima con una nave italiana. Si tratta della greca Plympic Flair che ha segnalato di aver subito un tentativo di abbordaggio alla Guardia Costiera indiana,

La pirateria – Il governo indiano si è dimostrato incapace a contrastare con le armi la pirateria autoctona perché troppo impegnati contro la pirateria somala. Nonostante l’India sia diventata una grande potenza economica e militare, con tanto di armi nucleari, continua ad espandersi la criminalità, insieme alla povertà della popolazione.

Illegalità contro l’Italia – Ignorando le norme del diritto internazionale le autorità indiane hanno messo in stato di fermo il capitano e il sergente della nave italiana Erica Lexie in cerca di armi. Un atto senza precedenti poiché dal momento che non sussiste uno stato di guerra fra Italia e India tali autorità non potrebbero avere dei prigionieri italiani. La Farnesina non ha fatto nulla contro questi abusi facilitando questi atteggiamenti illegali del governo indiano contro gli italiani.

Michela Santini