Inno Pdl, J-Ax denuncia Berlusconi per plagio

L’inno del Pdl? Una vecchia canzone degli Articolo 31 – “Domani denuncio Berlusconi. Buonanotte. Incredibile cazzo”. Con queste poche parole ‘twittate’ ieri sera, l’ex leader degli Articolo 31 J-Ax promette vendetta non a un qualsiasi cantante di serie B a secco di fantasia, ma addirittura all’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, reo – a detta del rapper – di aver travasato intere parti di una vecchia canzone degli Articolo 31 nel nuovo inno del Pdl.

Le frasi incriminate – Secondo J-Ax (pseudonimo di Alessandro Aleotti), la parte dell’inno pidiellino, che recita Noi siamo il Popolo della Libertà, gente che spera, che lotta e che crede nel sogno della libertà”, presenterebbe troppe somiglianze con le parole della canzone ‘Gente che spera‘, pubblicata dagli Articolo 31 nel fortunatissimo album del 2002 ‘Domani smetto’. In attesa del comunicato ufficiale che dovrebbe giungere a breve, sulla pagina Twitter di J-Ax si scatena intanto l’ironia dei fan. C’è chi scrive “Il nuovo inno del Pdl è un plagio di una canzone di J-Ax. La notizia è che non è ‘Domani smetto’ e neppure ‘Voglio una lurida‘” e chi, invece, consiglia al rapper di denunciare il Cavaliere non per plagio ma per diffamazione.

 

Raffaele Emiliano