Scrittrice disabile prigioniera della neve per 14 giorni

Prigioniera in casa – La scrittrice disabile di Bolzano è rimasta chiusa nel suo casolare a San Giorgio di Pesaro insieme al figlio 17enne per ben quattordici giorni, riuscendo a scaldarsi solo grazie al camino e alla legna tagliata dal ragazzo, completamente isolati dalla montagna di neve dei giorni scorsi che rendeva impossibile l’accesso al paese vicino.

Senza caldaia né fornelli – La situazione già disagiata dei primi giorni è diventata preoccupante quando sono rimasti senza gas per alimentare la caldaia e i fornelli. La donna, con problemi di mobilità su tutta la parte sinistra del corpo e soggetta a crisi epilettiche, non si è persa d’animo e ha cercato di sopravvivere nonostante i vari momenti di sconforto.

4 gradi in casa – Nel momento in cui gli uomini del soccorso alpino sono riusciti a raggiungere il casolare, al suo interno c’erano 4 gradi già da diversi giorni. La scrittrice Eleonora Goio è l’autrice del libro “Viaggio al buio” nel quale racconta il suo percorso lungo la Via della Seta, da Udine fino a Pechino, in occasione delle Olimpiadi del 2008 a bordo di una vecchia Citroen Mehari. Nonostante la propria disabilità, la Goio ha sempre dimostrato di avere una grande forza d’animo e un notevole coraggio nell’affrontare le sfide della vita.

Marta Lock