Ue, Grecia: via libera al secondo pacchetto di aiuti

I ministri finanziari dell’eurozona riunitisi ieri pomeriggio a Bruxelles hanno raggiunto in tarda notte un accordo per sbloccare i 130 miliardi di euro del secondo pacchetto degli aiuti internazionali finalizzato ad evitare il default caotico della Grecia alle porte. L’intesa raggiunta dopo 13 ore di colloqui prevede che i creditori privati accettino un’ulteriore svalutazione dei titoli di Stato ellenici con l’esecutivo di Atene che si impegni ad una più incisiva correzione dei conti pubblici.

Il rapporto debito/Pil. Il consiglio dell’Eurogruppo ha chiesto misure drastiche affinché il rapporto debito pubblico/Pil della Grecia cali entro il 2020 al 120,5%, lievemente oltre l’obiettivo iniziale di 120%, come condizione essenziale per lo sblocco del secondo piano di salvataggio in meno di due anni.

Piazze europee: previsto avvio incerto. Borse europee attese incerte in avvio di seduta. Gli operatori aspettano le prime reazioni della Grecia dopo l’approvazione da parte dell’Eurogruppo del secondo pacchetto di aiuti. Per gli analisti sono previsti decisi rialzi per le piazze di Londra, Parigi e Francoforte. Le aspettative in senso positivo circa l’esito della riunione di stanotte hanno spinto su ieri le principali Borse del Vecchio Continente.

M.N.