Nina Zilli contro Belen e la sua farfalla: Ha rappresentato la mercificazione del corpo della donna

Sanremo 2012, Belen e la sua farfalla contro il resto delle donne – Se qualcuno volesse ricordare un momento topico delle cinque serate del Festival di Sanremo 2012, probabilmente, a parte la performance estenuante di Adriano Celentano, gli verrebbe subito in mente Belen Rodriguez che scende dalle scale dell’Ariston con un abito che poco lascia all’immaginazione, con uno spacco così esagerato da mettere in dubbio la presenza dell’intimo e che ha messo in risalto una farfalla tatuata sull’inguine, tatuaggio divenuto oggetto di discussione tra i più. Questa edizione di Sanremo è stata caratterizzata dalla presenza della donna, rappresentata non solo (fortunatamente) dalle tre madrine che si sono alternate nelle cinque serate, ma anche da ospiti come Sabrina Ferilli e Geppi Cucciari e da un podio tutto al femminile. Ed è proprio questa fetta di donne, assieme alle comuni mortali, che si è lamentata del gesto della soubrette argentina; donne arrabbiate, che non si sentono affatto rappresentate da questa Belen: “Ha rappresentato la donna come un oggetto!” – esclamano. Ma oltre a loro, a lamentarsi c’è anche il Ministro del Lavoro Elsa Fornero, che ha affermato: “Mi sento offesa da queste donne della Tv”.

Nina Zilli: “Agghiacciante quel gesto consapevole” – A tutte loro si aggiunge l’opinione di Nina Zilli, la quale ha brillato in questo Sanremo con il suo brano Per Sempre, che, sebbene non le sia valsa la vittoria, la porterà a rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest 2012. “Credo che Belen a Sanremo abbia rappresentato la mercificazione del corpo della donna” – afferma.  “In quel momento – continua –  ha fatto apparire la donna come un oggetto. E’ agghiacciante che lo abbia fatto consapevolmente. Peggio per lei. La vita vera è fatta di madri che fanno la spesa, cucinano, studiano, lavorano. Credo che siano state loro ad arrabbiarsi per quel gesto. Perché certe cose devono farti rabbia”.

G. T.