Sanremo dopo la vittoria, Emma Marrone: “Il prossimo Festival lo farei condurre a Geppi Cucciari”

Clamore dopo la vittoria per Emma – Dopo la vittoria di sabato sera, che l’ha vista salire sul gradino più alto del podio della 62esima edizione del Festival di Sanremo, con il suo brano “Non è l’inferno”, scritta da Francesco Silvestre, frontman dei Modà, Emma Marrone ha acquisito ancora più clamore di quello che aveva riscosso dopo la vittoria ad Amici. Molte le trasmissioni che l’hanno ospitata in questi pochi giorni dopo che il sipario è calato sul palco del teatro Ariston.

L’importanza di un podio al femminile – Durante un’intervista ai microfoni di Start, programma in onda su Radio Rai 1, la vincitrice dell’edizione che si è appena conclusa del Festival della canzone italiana, ha sottolineato l’importanza, in questo preciso momento storico, di un podio tutto al femminile, come quello che abbiamo visto quest’anno a Sanremo. “E’ stata una grande vittoria delle donne. Inoltre Noemi e Arisa sono mie grandi amiche, infatti, stavamo nel retro palco insieme a parlare da amiche. E poi loro hanno cantato quelle che erano le mie canzoni preferite”.

Polemiche su Belen ingigantite dalla stampa – Interrogata anche sulle polemiche sulla ‘farfallina’ di Belen Rodriguez, la cantante salentina ha dichiarato di non criticare le donne che usano il loro corpo: “Non critico chi lo fa. Io ad esempio non potrei permettermelo. Ogni donna è libera di mostrare quello che vuole. Poi sta al pubblico scegliere e semmai cambiare canale”. Dunque per l’interprete di “Non è l’inferno”, la polemiche post Belen sono state ingigantite “dalla stampa che ha parlato solo di quello: perché come si dice dalle mie parti ‘tira piu’ un pelo che un carro di buoi'”. E sul dopo Morandi alla conduzione del Festival di Sanremo, Emma pare avere le idee chiare: “Io lo farei condurre a Geppi Cucciari. Lei, come tante altre hanno fatto la gavetta”.

Maria Rosa Tamborrino