Calciomercato Milan: Binho resterebbe dieci anni. Di Marzio: Tevez a giugno

Calciomercato Milan – L’attaccante brasiliano del Milan, Robinho, ha rilasciato alcune dichiarazioni riportate dalle pagine del quotidiano torinese La Stampa. Il numero 70 rossonero ha parlato del suo futuro, della sua attuale ottima condizione di forma e del big match di sabato sera contro la Juventus: uno dei passaggi più interessanti dell’intervista è quello in cui Robinho sottolinea come vorrebbe restare al Milan per almeno altri dieci anni. “Al Milan sto benissimo, fosse per me resterei qui per altri dieci anni. La sfida contro la Juventus? Se giochiamo da Milan non ce n’è per nessuno, la gara coi bianconeri sarà decisiva soprattutto per un fattore psicologico piuttosto che per la classifica. Pato? È un fenomeno. E poi i periodi storti capitano, anche a me, ma Allegri mi ha dato fiducia e  in questi momenti è importante sentire la fiducia di chi ogni giorno vede i frutti del tuo lavoro. Quando tutti dicevano che non dovevo giocare, il mister mi ha dato fiducia e alla fine mi sono sbloccato”.

Di Marzio: Tevez a giugno – Secondo l’esperto di mercato Gianluca Di Marzio, il matrimonio tra Tevez e il Milan è destinato a consumarsi, ma al momento è rimandato al prossimo mese di giugno. Questi alcuni stralci dell’analisi fornita da Di Marzio per le pagine di Virgilio Sport: “Forse il suo comportamento non è stato da manuale del buon figliol prodigo, ma Carlitos Tevez intanto ha fatto la sua offerta di pace al Manchester City. Una lettera di scuse per il suo recente comportamento. (…) Ora che Mancini e il City hanno ottenuto quello che volevano (compresa la rinuncia al ricorso del giocatore per le multe inflittegli), l’unica cosa che resta da fare all’argentino è rimettersi in forma per tornare in campo. E magari a giugno sul mercato. Questa pace insomma non spaventa il Milan, che continuerà sicuramente a corteggiarlo. Pensando però contemporaneamente anche a Van Persie, l’ultima tentazione rossonera. Per Carlitos, comunque, la promessa di amore reciproco scambiata a dicembre con Galliani è ancora valida. E il matrimonio – quasi celebrato a gennaio – appare davvero solo rimandato”.

 

Marco Valerio