Italia, sale la fiducia dei consumatori a febbraio

L’indice del clima di fiducia dei consumatori nel mese di febbraio sale a 94,2 dal 91,8 di gennaio (rivisto da 91,6), stazionando così sopra la mediana delle previsioni degli analisti rappresentata da quota 92. Lo si apprende dai dati diffusi oggi dall’Istat, per la quale questa rinnovata fiducia dei consumatori è correlata al fatto che “migliorano marcatamente le aspettative sull’andamento generale dell’economia italiana e diminuiscono le aspettative di disoccupazione”. Il saldo relativo alle aspettative generali dell’economia passa infatti da -66 a -46, mentre quello relativo alle aspettative di disoccupazione da 96 a 82.

Gli indici e i giudizi. Passando ad una breve disamina di dettaglio, sale l’indice relativo alla componente economica generale da 76,0 a 86,7, mentre cala lievemente quello riferito alla situazione personale degli intervistati, da 97,9 a 97,5. In crescita l’indice che misura le attese a breve termine, da 78,8 a 86,2, mentre diminuisce quello relativo alla situazione corrente da 102,3 a 100,3. Su anche il saldo dei giudizi sulla situazione economica della famiglia, da -55 a -53, e quello relativo alle valutazioni prospettiche sul risparmio, da -94 a -79. Al contempo peggiorano i giudizi sulla convenienza all’acquisto di beni durevoli, con il relativo saldo passato da -88 a -100. Per quanto riguarda l’evoluzione recente dei prezzi, infine, vanno su i giudizi di forte crescita, con il saldo che sale da 69 a 76, mentre le aspettative sull’evoluzione nei prossimi dodici mesi propendono, viceversa, verso un’attenuazione della dinamica futura dei prezzi, con il saldo che diminuisce da 57 a 39.

M.N.