Crisi: calo dei consumi anche nella grande distribuzione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:40

Tagli alle spese alimentari – Il calo dei consumi era già molto evidente nei negozi più piccoli, ma secondo i dati Istat relativi all’ultimo trimestre 2011, anche la grande distribuzione ha registrato una forte flessione verso il basso, persino riguardo i generi alimentari nei quali si è registrato un calo dell’1%. Gli unici a non essere ancora stati investiti dalla riduzione dei consumi sono i discount alimentari, nei quali la flessione è praticamente nulla.

Calo anche a dicembre – La crisi si è abbattuta anche sul mese di dicembre 2011, che ha fatto registrare un calo dell’1,1% rispetto al mese precedente e del 3,7% rispetto al dicembre del 2010, dato preoccupante per la sopravvivenza delle piccole attività di quartiere, come sottolinea la Confesercenti. Più grande è la differenza per i generi non alimentari nei quali la diminuzione rispetto al mese di novembre 2011 è stata dell’1,2%.

Base annua – In un anno i consumi totali delle famiglie italiane sono diminuti dell’1,7% per i prodotti alimentari e del 4,4% per gli altri prodotti, segno evidente che, al di là di chi sottolineava che si era creato un clima di panico più psicologico che materiale riguardo alla crisi, le famiglie hanno davvero una disponibilità economica molto inferiore rispetto agli anni passati, e Rienzi del Condacons afferma che il 2012 andrà anche peggio.

Marta Lock