Pescatori uccisi: la polizia indiana confisca 4 casse alla petroliera italiana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:46

mConfiscate 4 casse – La petroliera italiana Enrica Lexie è stata perquisita dalla polizia indiana per 15 ore, finché non è stato trovato del materiale rinchiuso in 4 pesanti casse accuratamente sigillate, che è stato definito “rilevante per le indagini” e sequestrato. Lo scarico dei contenitori è avvenuto verso le 3 di notte, poco dopo che erano scesi dall’imbarcazione otto membri della delegazione guidata dal console generale di Mumbai, Giampaolo Cutillo, e di cui fanno parte anche i due esperti balistici dell’Arma dei Carabinieri, giunti da Roma.

Armi in dotazione ai marò – “Il materiale sarà trasferito ora alla Polizia portuale. Dopodomani andrà al magistrato di Kollam e quindi al laboratorio forense di Trivandrum” ha affermato il commissario della polizia di Kochi, Ajith Kumar, aggiungendo  inoltre che gli esperti italiani saranno presenti all’intera procedura. Tra la ricerca del materiale a bordo sono state trovate anche le armi in dotazione ai sei marò che facevano parte della squadra anti pirateria, anche se non si conosce la natura di tali armi.

I pescatori uccisi – Il commissario Kumar ha aggiunto poi che la nave “potrà ripartire solo quando le nostre indagini saranno terminate” e quando lo decideranno i giudici che dovranno pronunciarsi sulle cause di risarcimento intentate dai familiari dei due pescatori uccisi.

Michela Santini

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!