Cani randagi sbranano un camionista

Il corpo vicino al suo camion – Il corpo del camionista di 50 anni di origine siciliana è stato trovato questa mattina intorno alle 10 e 45, da un’addetta alle pulizie dell’azienda di trasporti di Biscottino, località al confine tra la provincia di Livorno e quella di Pisa, per la quale l’uomo lavorava, che ha visto il branco di cani randagi mentre stava infierendo sul cadavere. Sul posto sono subito giunti i sanitari del 118 e i carabinieri di Livorno.

L’attesa dell’autopsia – Non è ancora chiaro se l’uomo sia stato colpito da un malore mentre sistemava il rimorchio del suo camion e l’aggressione da parte del branco di cani sia stata successiva alla morte, oppure se sia stato attaccato e morto a seguito delle ferite provocate dai morsi. Per conoscere la causa del decesso bisognerà attendere l’esito dell’autopsia.

Morsi ovunque – Il corpo, e in particolare le gambe, sono state letteralmente fatte a pezzi dai sette cani randagi di grossa taglia che vivono nella zona, e parti del corpo della vittima sono state ritrovate in tutto il cortile oltre a evidenti e numerose tracce di sangue. I carabinieri stanno ora ascoltando la testimonianza della donna, che vive in una roulotte non lontana dalla ditta di autotrasporti, che abitualmente dà da mangiare ai cani.

Marta Lock