Premafin-FonSai: Del Vecchio estraneo all’operazione Palladio-Sator

Leonardo del Vecchio ha escluso ogni suo coinvolgimento nella proposta Palladio-Sator sul gruppo Premafin-Fonsai alternativo a quella di Unipol. “Non c’entro niente”, ha risposto il numero uno di Luxottica all’uscita della sede milanese di Luxottica a chi gli chiedeva conferme sulle indiscrezioni stampa che ipotizzavano un coinvolgimento dell’imprenditore, anche socio di Generali con circa il 2% del capitale, nel progetto messo in piedi dai due fondi. Progetto che prevede un’offerta, con scadenza 8 marzo, alternativa al progetto di fusione a quattro di Unipol, con un aumento di capitale fino a 450 milioni, di cui 400 riservati ai due investitori, per Premafin.

Ligresti compatti sull’offerta Unipol. La famiglia Ligresti, intanto, sembrerebbe compatta sull’operazione proposta da Unipol “La famiglia Ligresti è compatta su Unipol”, ha riferito una fonte vicina alla famiglia secondo quanto riportato da Reuters. La fonte ha anche confermato che lunedì si terrà un nuovo incontro incentrato sul piano di ristrutturazione dei debiti Premafin con le banche creditrici dopo la proposta sul convertendo da 150 milioni. Giulia Ligresti, presidente di Premafin, ha dichiarato, inoltre, che fino ad ora non ci sono stati contatti con i fondi Palladio e Sator, confermando, quindi, che l’unica offerta al vaglio della famiglia è quella Unipol.

M.N.