Donna selvaggiamente picchiata a Milano

Gravissime le sue condizioni – La donna di 53 anni, dipendente di una biblioteca comunale, è ricoverata in gravissime condizioni al Fatebenefratelli, con gravi contusioni al viso e al corpo provocate dai calci e dai pugni con i quali è stata colpita ripetutamente. L’aggressione è avvenuta all’interno del centro culturale “Seicento” di via Savona 99 a Milano.

Aggredita e trascinata – Secondo le prime ricostruzioni la donna sarebbe stata aggredita all’altezza del primo piano e poi trascinata fino al seminterrato dove ha avuto luogo il violento pestaggio. Tra le contusioni riportate, molte delle quali agli occhi e alla fronte, quella più preoccupante è quella inferta alla testa che le ha procurato un grave trauma cranico.

Conosciuto su Facebook – L’aggressore sarebbe stato identificato come l’uomo conosciuto un anno fa sul social network e con il quale aveva intrapreso una relazione amorosa. Residente in Sicilia, l’uomo era stato ospitato nel capoluogo lombardo proprio dalla vittima, che già nel mese di settembre 2011 lo aveva denunciato per lesioni e minacce. L’ipotesi più accreditata al momento, vista la brutalità e l’accanimento dei colpi sferrati alla donna, è quella del movente passionale. Intanto la polizia è sulle tracce del 37enne, che è ricercato sia nella zona in cui è avvenuto il pestaggio sia nei pressi dell’abitazione della vittima.

Marta Lock