La mortalità infantile oggi e quarant’anni fa

La mortalità infantile nel mondo – La mortalità infantile entro il quinto anno di età è un dato importante per misurare le condizioni economiche e sociali di un Paese. Oggi grazie ai trattamenti sanitari nel periodo pre-natale, ai nuovi medicinali e ai vaccini il numero dei bambini che muoiono molto piccoli è notevolmente diminuito.

L’Economist – L’Economist ha illustrato in un grafico i miglioramenti dagli anni ’70 ad oggi nel Mali. Se quarant’anni fa il 37% dei bambini non raggiungeva i cinque anni, nel 2010 sono diventati il 18%. La percentuale rimane comunque alta e si dovrà lavorare ancora molto per arrivare alle medie delle nazioni economicamente avanzate.

Il programma – Le Nazioni Unite, nei loro “Obiettivi di sviluppo del millennio”, hanno progettato di ridurre la mortalità infantile di un terzo entro il 2015. Nel 2010 solamente 17 paesi hanno raggiunto l’obbiettivo, tra cui Brasile, Egitto, Turchia e fra poco la Cina. Più di cento i Paesi che non riusciranno ad arrivare alle cifre previste, come il Congo e il Sudafrica. Basti pensare che n Italia nel 2010 sono morti 2 bambini al di sotto dei cinque anni ogni mille nascite, nel Congo poco meno di 170, in Sudafrica circa 60.

Michela Santini