Borse: piazze europee attese in lieve calo

Le borse europee sono attese in lieve calo in avvio di contrattazioni dopo che le attese di ulteriori mosse espansive della Fed Usa e di nuove iniezioni di liquidità della Bce hanno rafforzato il trend rialzista avviatosi dai primi di gennaio. Ieri il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke, in un’audizione al Congresso Usa, ha raffreddato gli entusiasmi sullo stato dell’economia statunitense, cresciuta nel quarto trimestre del 2011 del 3%, evitando qualsiasi allusione a nuovi riacquisti di bond da parte della banca centrale americana.

Le piazze europee. Ieri sulle piazze europee la seconda asta di liquidità a tre anni della Bce ha garantito 530 miliardi di euro al sistema bancario del Vecchio Continente, un’operazione letta dal mercato come l’ultima grande mossa di contrasto alla crisi. Per gli analisti gli investitori ora si concentreranno sugli indicatori macroeconomici da cui trarre indicazioni sull’andamento della ripresa economica. L’eventuale assenza di dati convincenti nei prossimi giorni potrebbe incentivare altre prese di profitto dopo l’ultimo exploit di questi giorni. Gli spreadbetter finanziari stimano che il Dax tedesco apra in calo di 5-6 punti, o dello 0,1%, che il Cac-40 francese cali di 2 punti (o dello 0,1%) e che l’indice Ftse-100 inglese parta in ribasso tra 4 e 5 punti (-0,1%).

Wall Street. Ieri il Dow Jones ha chiuso in calo dello 0,41% a 12.952 punti. L’indice paneuropeo Ftseurofirst 300 ha perso lo 0,08% a 1.075 punti, dopo che la scorsa settimana aveva toccato i massimi dei sette mesi.

M.N.