L’avvocato travolto e ucciso da un Suv conosceva il suo assassino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:46

Travolto sei mesi faL’avvocato di Massa Carrara, Diego Prandina, 48 anni, era stato travolto e ucciso da un Suv nel settembre del 2011 mentre rientrava a casa dal lavoro, davanti alla villetta della sua compagna. L’omicidio era subito apparso molto strano in quanto l’avvocato era molto conosciuto e stimato nella zona e non risultava avesse nemici.

Il Suv – Appena travolto l’uomo, l’autista del Suv aveva spento i fari dell’auto, per impedire a eventuali testimoni il riconoscimento della targa, rischiando di investire un operaio che attraversava la strada mentre cercava di fuggire. In un primo momento gli inquirenti avevano indagato su un Suv di marca orientale, ma successivamente grazie alle indicazioni di alcuni vicini di casa della compagna dell’avvocato ucciso, hanno effettuato dei controlli su un’auto di marca tedesca da mesi ferma in un parcheggio. Il Suv sarebbe di proprietà di un conoscente della vittima e della sua compagna.

I sospetti – L’uomo non è ancora stato iscritto nel registro degli indagati, ma secondo le prime indiscrezioni, a suo carico sarebbero emersi elementi e particolari interessanti ai fini della risoluzione del caso. Gli investigatori stanno eseguendo accertamenti sull’uomo e, se dovesse essere ritenuto responsabile dell’omicidio, sarebbe accusato di omicidio colposo, sempre che non compaiano elementi che rendano possibili delle aggravanti.

Marta Lock