Maroni: La grande coalizione? Una follia politica

L’ipotesi ventilata ieri da Silvio Berlusconi – relativa alla possibilità di prolungare la vita della grande alleanza Pdl-Pd-Terzo Polo – ha suscitato la sferzante reazione di Roberto Maroni: “Mi sembra una follia – ha affondato il leghista – questa nuova Triplice mi sembra fuori dal mondo”. L’ex ministro dell’Interno, che ha ieri partecipato a un incontro organizzato dai militanti bolognesi del Carroccio, è tornato anche sugli scontri in Val di Susa: “A queste cose – ha tagliato corto Maroni – bisogna reagire subito e con fermezza“.

La stroncatura di Maroni –  Un’ipotesi delirante. Di più: lo svelamento di un disegno teso a fare fuori la Lega. Il giudizio di Roberto Maroni sull’ipotesi della “grande coalizione” accarezzata ieri dal leader del Pdl è stato tranchant. “Vogliono fare la grande ammucchiata – ha commentato ieri sera l’ex ministro – Noi in fatto di accoppiamenti, pardon di alleanze, siamo tradizionalisti e quindi facciano pure. Politicamente mi sembra una follia – ha rincarato – è caduto il velo ed è apparso ciò che molti sospettavano, cioè che questo accordo, questo ‘inciucio’ non è un fatto occasionale dovuto all’emergenza economica, ma – ha spiegato l’esponente del Carroccio – è un progetto politico per  far fuori la Lega“.

Linea dura con i No-Tav – Non solo: a conclusione dell’incontro che si è svolto ieri sera a Bologna, con un gruppo di militanti padani che ha tributato una calorosa accoglienza all’ex titolare del Viminale, Maroni è tornato sul tema caldo della Tav, soffermandosi sugli scontri in Val di Susa. “Chi picchia in testa poliziotti e carabinieri – ha affermato il leghista – deve essere messo in galera. A queste cose bisogna reagire subito applicando la legge. Non bisogna essere cattivi o buoni, bisogna essere giusti. Uno può protestare finché vuole – ha continuato l’ex ministro – ma quando getta i sassi in testa ai poliziotti deve essere fermato e bisogna impedirgli di rifarlo. Questa è la linea di comportamento che ho tenuto quando ero ministro e che mi auguro questo governo tenga, ma – ha concluso piccato – lo vedo un po’ vacillare“.

Maria Saporito

 

Articolo precedenteBerlusconi apre alla grande coalizione
Articolo successivoMonti convoca un incontro sulla Tav
Siciliana di origine, romana d'azione, scrivo da anni occupandomi principalmente di politica e cronaca. Ho svolto attività di ufficio stampa per alcune compagnie teatrali e mi muovo con curiosità nel mondo della comunicazione. Insegnante precaria, sto frequentando un corso per insegnare italiano agli stranieri.